Benvenuti nella mia vita da artigiana



Erano vari anni che ci volevo andare e ho proprio deciso di andare il 12 maggio e ormai, ovviamente, veniva giù il mondo!


La location, quella della Colonia Novarese, a Miramare... uno "spazio indeciso" lo chiamerebbe qualcuno, abbandonato e proprio per questo affascinante, è stata la cornice perfetta per questo Handmade Market, tra i più prestigiosi a livello italiano e non sono Romagnolo!


Ogni anno, almeno da quello che so, la location viene definita qualche settimana prima della data di inizio per creare suspense e desiderio. I luoghi prescelti sono sempre insoliti e particolari e attirerebbero, secondo me, anche chi non é appassionato di artigianato.


Di "mercatini" e fiere ormai ne ho visti parecchi ma Matrioska devo dire che è sicuramente di un altro livello. La selezione per entrare è una questione seria e sempre più ambita, visto il successo di pubblico. Non ricordo nemmeno se io stessa ci provai qualche anno fa senza riuscirci.


Non basta inviare soltanto le proprie storie "artigianali" e le foto dei prodotti ma anche quelle dell'allestimento che si intende realizzare perchè nulla viene lasciato al caso e perchè sorprendere e stupire, secondo me, sono tra le parole d'ordine di chi organizza.


E devo dire che in questa edizione, a parte la pioggia battente, le raffiche di vento e la chiusura anticipata causa maltempo, ci sono riusciti in pieno!


Diversi gli artigiani mixati bene in quanto a settori di attività: jewelry designer, stilisti, sarte, artigiani della carta, grafici...


L'unico peccato è stato davvero il maltempo che non ci ha permesso di visitare con più calma e soprattutto meno freddo... sembrava di essere a novembre, giuro... tutte queste meraviglie!


Il trio di amiche oramai consolidato veleggerà verso nuovi mercatini dell'Handamde spero presto!




Alla prossima avventura...

75 visualizzazioniScrivi un commento

Aggiornato il: 20 mar 2019



Io e Letizia, la restauratrice della nostra via, il weekend del 9 marzo siamo andate a Bologna a un corso di calligrafia, per imparare l'American Cursive con Alessandro Salice di Scrivere a Modo!

Non vi sto a dire la meraviglia di prendersi del tempo per sé e di imparare a scrivere in uno stile del tutto "vintage"! Immediatamente si precipita in un'altra dimensione, dove tra l'altro non c'è nessun problema in vista... olé!!

Lo consiglio a tutti un corso di calligrafia, anche per chi scrive male e pensa di essere negato, perché è come una meditazione in cui ci si riappropria del tempo per sé stessi in un'atmosfera di calma e tranquillità.

Io naturalmente ho scelto di farlo per scrivere sui vostri gioielli ancora meglio e per migliorarmi, oltre che per passare un weekend diverso e divertente!


La serata passata alla Cantina Bentivoglio di Via Mascarella, osteria tipica bolognese, dove abbiamo mangiato benissimo, è stata la ciliegina sulla torta! C'era anche un concertino jazz che iniziava alle 22... peccato che noi eravamo cotte e 5 minuti prima che iniziasse siamo tornate nel nostro meraviglioso B&B! L'anagrafe... come direbbe mio babbo!



In realtà il corso è stato molto impegnativo e poi lavorare tutta la settimana e nel weekend non staccare... come dire... mi ha anche un po' provato.


Per fortuna ci siamo rilassate e rifocillate da Torte-lini... un fantastico B&B vicino alla stazione di Bologna gestito da Elisabetta, magica pure lei! Si tratta di un piccolo appartamento, arredato con mucho gusto, silenzioso, dalla posizione invidiabile e che la mattina offre una colazione splendida, tutta cucinata dalla stessa Elisabetta!


Insomma uno spettacolo nello spettacolo... vi lascio qualche foto! Se dovete andare a Bologna e siete in cerca di intimità, ospitalità e gentilezza... praticamente di artigianalità... Torte-lini fa per voi!


Dura la vita dell'artigiana eh?


Alla prossima...

55 visualizzazioniScrivi un commento

Ciao a tutti,

è dicembre e sono travolta dal lavoro... meno male!


Non ho tanto tempo per scrivere di questo bellissimo progetto di valorizzazione del Centro storico della mia città, ma volevo lasciarvi solo qualche immagine della Cena in vetrina che si è tenuta il 1 dicembre nel mio laboratorio in compagnia di Federica del Caseificio Mambelli e di quattro affezionate clienti/amiche!


Una serata piena di emozioni e di divertimento! I piatti cucinati da Paolo Bertinelli del Ferri&Menta, il ristorante di fronte al mio negozio, con il formaggio del caseificio e il tartufo del nonno Davide, erano sublimi... da leccarsi letteralmente i baffi!



Speriamo di replicare in qualche modo...


Un grazie anche alla restauratrice della via, Letizia Cortesi, che per quella sera si è trasformata in una fantastica cameriera!



10 visualizzazioniScrivi un commento